mercoledì 28 settembre 2016

Prestiti a protestati: finanziamenti 2016

PRESTITI A PROTESTATI

I prestiti a protestati sono i finanziamenti che vengono concessi a chi ha avuto un protesto, cioè ha omesso il pagamento di uno o più titoli di credito come per esempio cambiali o assegni.

Il tasso di interesse su un finanziamento (prestito o mutuo) è stabilito dalla capacità del richiedente di onorare i suoi pagamenti ovvero di quanto sia puntuale e affidabile nella restituzione. Una persona che abbia in passato richiesto un prestito e abbia pagato per tempo tutte le rate è considerato dalle banche un buon cliente e quindi gli istituti di credito gli concederanno un nuovo finanziamento a tasso basso per “premiarlo” del comportamento virtuoso passato.

È possibile però fare richiesta di prestiti anche se si è protestati cioè quando si ha un protesto in corso. Purtroppo le spese impreviste possono capitare a tutti e il più delle volte arrivano nei momenti più sbagliati (in verità ogni momento è sbagliato per qualsiasi tipo di spesa): cioè quando si devono sostenere anche altri costi concomitanti e si è già al limite massimo sia della propria capacità di credito sia di risparmio e rinunce. Molto spesso allora si è costretti a fare varie richieste di prestiti per protestati a diverse banche, istituti di credito e finanziari vedendosi poi rifiutare ogni istanza di prestito. Cosa fare allora se nessuno ti offre un prestito o un finanziamento?

Il mercato finanziario offre diverse tipologie di prestiti anche a protestati:

Si ricorda che le descrizione dei tutti i tipi di prestiti a protestati in questa pagina hanno la stessa valenza e le stesse caratteristiche nel caso il richiedente non sia né protestato né cattivo pagatore iscritto al Crif. Gli unici aspetti che possono variare sono il tasso di interesse (più basso per chi è considerato un debitore affidabile) e le garanzie richieste.

Leggete anche l’ultimo paragrafo di questo articolo CONSIGLI utili per richiedere un vantaggioso prestito per protestati.


PRESTITI A PROTESTATI: CESSIONE DEL QUINTO

Per instaurarla occorre essere dipendenti di un’azienda o di un ente pubblico oppure essere pensionato inps o pensionato inpdap con una pensione minima di almeno € 480,53. La rata massima del prestito ai protestati corrisponde al quinto o al 20% del reddito mensile percepito al netto delle ritenute fiscali e la durata del finanziamento si può fissare tra i 12 (1 anno) e i 120 mesi (10 anni). Il tasso di interesse rimane fisso per tutta la durata del prestito per protestati e comprende anche una parte di quota assicurativa che copre i casi di morte e/o di perdita dell’impiego. La garanzia per la cessione del quinto istaurata come prestiti per protestati è l’importo del TFR accantonato che copre il rischio di impiego nell’eventualità di mancato pagamento di una o più rate ed è garanzia che comunque l’importo della rata venga versato mensilmente direttamente dal datore di lavoro che la tratterrà dall’importo netto della busta paga.

Se si ha già una cessione del quinto in corso è consigliabile chiedere all’ente erogatore una revisione degli accordi finanziari presi in passato, per esempio:

  • si può richiedere un aumento del numero delle rate che nella maggior parte dei casi concede al richiedente, anche se protestato
  • una somma in contanti immediatamente disponibile per saldare le spese impreviste
  • oppure un aumento della somma concessa se l’intero importo del TFR non è stato raggiunto. In particolare in questo caso è da tener presente che se il prestito è stato fatto anni prima, l’importo del TFR è nel frattempo aumentato dando quindi maggiori garanzie all’ente erogante e più disponibilità al richiedente.

PRESTITI A PROTESTATI: PRESTITI DELEGA A PROTESTATI

La delega di pagamento ha le stesse caratteristiche della cessione del quinto come tipologia di prestiti per protestati con la differenza che alla base dell’accordo c’è una convenzione stipulata tra l’ente erogatore (finanziaria o istituto di credito) e l’ente erogante (Amministrazione statale o parastatale o datore di lavoro privato). Da sottolineare il fatto che nel caso in cui l’ente erogante sia un privata (spa, srl, snc, sas) la delegazione potrebbe non essere concessa perché non obbligatoria: la legge non impone ai datori di lavoro privati di accordarsi con l’ente erogante per concedere un finanziamento a dipendente protestato.

La delega assieme alla cessione del quinto non può superare il 50% del netto stipendio mensile, ecco un esempio concreto in cui le cifre sono state scelte per essere poi applicate facilmente alla propria situazione personale:

  • Reddito mensile netto (busta paga o pensione inps o pensione indap): € 1000
  • Rata massima della cessione del quinto: € 200
  • Rata massima per il prestito delega per protestati: € 300
  • Totale rata mensile da pagare = rata cessione del quinto + rata prestito delega per protestati = € 500

PRESTITI A PROTESTATI: I PRESTITI CAMBIALIZZATI A PROTESTATI

I prestiti cambializzati a protestati vengono concessi a chi dispone di un reddito da lavoro dipendente, o da lavoro autonomo o da pensione inps o da pensione indap. La rata è costante cioè rimane fissa per tutta la durata e il pagamento avviene mensilmente La rata comprende sia la quota di interesse che di capitale. L’erogazione è molto veloce perché i prestiti cambializzati per protestati sono garantiti attraverso la cambiale. La somma richiesta è erogata con assegno circolare o con bonifico bancario. Il prestito cambializzato per protestati viene rimborsato tramite la firma su cambiali mensili, bimestrali o trimestrali a secondo degli accordi presi con l’ente erogante. Ogni titolo deve essere pagato alla scadenza indicata presentando allo sportello della banca la cambiale stessa, il saldo può avvenire o a mezzo assegno o in contanti. La cambiale è un titolo esecutivo quindi il mancato pagamento causa l’azione forzata sul patrimonio personale e conseguenze legali per il recupero della somma, per questo motivo è consigliabile evitare ritardi nel pagamento di cambiali! Il vantaggio di un prestito cambializzato per protestati è il suo facile e veloce ottenimento.

I prestiti cambializzati a protestati si possono richiedere anche on line usufruendo della consulenza dello staff di una finanziaria o di un istituto di credito che propone numerosi preventivi tra i quali il cliente protestato potrà scegliere la soluzione migliore nel suo caso.


PRESTITI A PROTESTATI: PRESTITI PERSONALI A PROTESTATI

Se hai avuto un protesto puoi richiedere i prestiti personali a protestati anche on line senza perdere tempo usufruendo di una consulenza approfondita sulla fattibilità del finanziamento e che ti dà tutte le informazioni che ti possono aiutare a risolvere presto e bene la tua situazione. Nel vari preventivi che ti verranno sottoposti saranno indicati l’importo della rata, la durata, il tasso annuale nominale e il tasso annuo effettivo globale del prestito personale.

I prestiti personali a protestati sono utili per coprire somme elevate (superiori a €50.000) come per esempio l’acquisto di un furgone per il lavoro o la nuova autovettura per la famiglia, o le spese per il matrimonio dei propri figli o quelle per la salute come il ricovero in cliniche private.


PRESTITI A PROTESTATI: FINANZIAMENTI A PROTESTATI

I finanziamenti a protestati e tutti i prestiti anche per protestati sono necessari nella maggior parte dei casi per far fronte a tutte quelle spese urgenti, cioè a tutti quei costi che devono essere sostenuti nel più breve tempo possibile, come per esempio: le spese mediche, l’acquisto di una nuova auto, comperare l’arredamento per la propria casa o per la ristrutturazione di un appartamento.

Il protestato è il soggetto economico che ha avuto o ha al momento ritardi di pagamento e/o rate scadute e quindi non può vantare un’impeccabile comportamento creditizio. Per questo motivo le banche e le finanziarie considerano la persona protestata un debitore a rischio e quindi tuteleranno il capitale che sarà versato con un tasso di interesse maggiore rispetto a chi non ha ritardi di pagamento.

Per far sì che il tasso di interesse applicato ad un prestito per protestato diminuisca è consigliabile presentare un garante che si farà carico del pagamento del o delle rate in caso di mancata restituzione da parte del richiedente. Il garante deve presentare tutte le garanzie come se il prestito o il finanziamento lo richiedesse lui. Il garante può essere anche un coniuge, un genitore o un figlio, un parente o un amico.


PRESTITI A PROTESTATI : PRESTITI A LAVORATORI AUTONOMI PROTESTATI

I prestiti a protestati lavoratori autonomi vengono concessi a chi è in possesso di reddito dimostrabile oppure possiede beni personali immobili o garanti che fanno fronte dell’eventuale mancato pagamento delle rate. I richiedenti protestati della cessione del quinto o del prestito delega sono protestati che hanno un lavoro dipendente o sono pensionati inps o indap. I lavoratori autonomi sono tutte le persone che possiedono un’attività economico finanziaria in proprio come per esempio imprenditori, commercianti o professionisti.

I prestiti cambializzati a protestati autonomi sono una possibilità per far fronte ad eventuali spese per la propria attività lavorativa come per esempio il pagamento dei propri fornitori o il pagamento di cartelle esattoriali o altre spese impreviste. Se si possiede un bene o un immobile di proprietà è fattibile utilizzarlo come garanzia per fare domanda di prestito a protestati autonomi ipotecario in modalità online in modo veloce e senza sprecare tempo oppure recandosi in filiale di qualche istituto finanziario.

È prassi molto comune che le banche o le finanziarie concedano prestiti a lavoratori autonomi protestati sotto forma di prestiti cambializzati. Se il richiedente invece è in grado di dare sufficienti garanzie con beni immobili oppure si appoggia ad un garante il prestito ai lavoratori autonomi protestati è concesso in forma di finanziamento a protestati o di prestito personale a protestati.


PRESTITI A PROTESTATI: PRESTITI SENZA BUSTA PAGA

È possibile richiedere un prestito anche in mancanza di una busta paga e si è protestati. In questo caso si può richiedere un prestito cambializzato a protestati o un finanziamento a protestati. Tutte le persone disoccupate o in cerca di lavoro, o assunte con contratti atipici a tempo indeterminato o pensionati o che hanno lavoratori autonomi non a reddito fisso sono considerate senza busta paga. Al fine di richiedere in caso di protesto, un prestito senza busta paga, è necessario fornire alla banca o all’istituto erogante delle garanzie. Le garanzie possono essere immobiliari per esempio una casa o un immobile commerciale, oppure, in qualche caso anche garanzie mobiliari come per esempio capitali sotto forma di titoli azionari o obbligazioni o ancora rivolgersi a un parente o un amico che si assuma l’onere di diventare nostro garante. Il garante è la persona che salderà i nostri debiti, cioè una singola rata del nostro prestito senza busta paga per protestati, in caso di ritardi da parte del sottoscrittore.

Per mantenere basso il tasso di interesse dei prestiti senza busta paga è consigliabile presentare il maggior numero di garanzie, in alcuni casi per esempio, se i beni immobiliari, le azioni, i titoli obbligazionari, i buoni del tesoro o altri titoli statali di credito, è possibile presentare due garanti.

Nel caso siate disoccupati o in mobilità è consigliabile sottoscrivere un prestito senza busta paga per protestati che dia la possibilità di modificare le condizioni contrattuali. In caso che troviate lavoro e possiate fornire una busta paga come garanzia di entrata mensile fissa è molto probabile che il tasso di interesse di abbassi e quindi anche l’ammontare della rata e/o la durata del prestito. In pratica rinegozierete il vostro prestito per protestati senza busta paga con nuove e più vantaggiose condizioni.


PRESTITI A PROTESTATI: PRESTITI VELOCI A PROTESTATI

La richiesta di prestiti veloci a protestati consente di far fronte a quelle spese urgenti e che devono essere sostenute entro breve termine come per esempio le spese per il dentista, le tasse universitarie per i figli, le spese per la propria attività aziendale o pagamento stipendi dei propri dipendenti e fornitori. È possibile richiedere un prestito veloce a protestati sia se sì è lavoratore autonomo o lavoratore dipendente o pensionato inps o pensionato indap.

È possibile fare domanda per un prestito veloce a protestati presentando i documenti che certifichino ed attestino la propria situazione reddituale e che forniscano le garanzie del caso. Le garanzie possono essere beni immobili o un garante che è la persona che si fa carico del pagamento della rate in caso che il richiedente non onori il suo debito. La soluzione facile e veloce per domandare un preventivo è quella inviata tramite la compilazione online dei moduli di richiesta agli istituti finanziari.

I prestiti veloci a protestati vengono erogati dalle finanziarie a chi necessita di liquidità immediata. Nella maggior parte dei casi l’esito (risposta positiva alla concessione dei prestiti per protestati) della richiesta avviene in tempi brevi (in al massimo 48 ore). Le garanzie dei prestiti veloci a protestati possono essere il reddito mensile dimostrabile (busta paga, pensione inps o pensione indap), beni immobili o altri beni personali come per esempio un’attività commerciale o ancora un garante, cioè la persona che, in caso di mancato pagamento da parte del richiedente, si incarica di saldare la rata non pagata. Il garante deve dare alla finanziaria o all’ente erogante le stesse garanzie che dà il richiedente.

Per ottenere un prestito veloce protestati è consigliabile essere molto precisi ed esaurienti quando si invia la mail di richiesta: in questo modo lo staff disporrà di tutti i dati e non sarà costretto a contattarvi per richiedere informazioni, ciò richiede ulteriore tempo!


CONSIGLI UTILI PER RICHIEDERE UN VANTAGGIOSO PRESTITO PER PROTESTATI

Muoversi nelle offerte finanziarie dedicate ai protestati a volte non è semplice anche perché spesso si ha molta fretta di trovare la somma necessaria (prestiti veloci a protestati).

La regola d’oro da seguire è quella di chiedere molti preventivi sia presentandosi di persona nelle varie agenzie sia richiedere preventivi on line. Gli indirizzi dove richiedere i preventivi per prestiti a protestati possono essere trovati sia facendo una ricerca mirata geograficamente, sia cercando vari prodotti finanziari come per esempio prestiti senza busta paga oppure finanziamenti per protestati lavoratori autonomi. In questo modo potrete trovare gli indirizzi di tutte le agenzie finanziarie e delle banche che possono aiutarvi a risolvere il problema.

Una volta che avrete ottenuto almeno 5 preventivi da diversi istituti di credito e agenzie finanziarie. Leggete attentamente ogni clausola e ogni “accordo”. Noterete che meno garanzie riuscite a fornire e più avrete fretta di avere i soldi, più il tasso di interesse sarà alto, più numerose e onerose saranno le rate. In pratica più servizi richiedete più li pagate. Per esempio se richiedete un prestito per protestati senza busta paga e lo desiderate flessibile sarà più oneroso di un prestito che non può essere cambiato in caso in futuro troviate lavoro. Oppure se richiedete un prestito o un finanziamento per autonomi protestati e la vostra attività vale 100 (garanzia), se richiedete €75 la rata sarà più onerosa rispetto a se richiedete €50.

Il prestito per protestati perfetto non esiste, valutate quale sia la migliore proposta che fa al caso vostro. Soprattutto nel caso non abbiate molte garanzie da offrire (busta paga, immobili, capitali) portatevi avanti con il lavoro e cercate almeno 2 garanti, in questo modo se uno dei due all’ultimo per qualsiasi motivo rifiutasse avrete già il sostituto senza perdere tempo.

I preventivi, in particolare quelli on line, sono tutti gratuiti e non dovete pagare nulla per avere informazioni. On line sono anche disponibili molti simulatori nei quali potrete inserire i vostri dati come per esempio il vostro reddito annuale o le garanzie che offrite, e potrete in modo automatico ed anonimo farvi un’idea sia di tassi di interesse applicati sui prestiti per protestati, sia dell’ammontare di ogni rata sia della durata del prestito.

Ricordatevi inoltre che il tasso di interesse applicato sui prestiti intesti come prestiti, finanziamenti o cessioni del quinto sia a dipendenti, che ad autonomi che a persone senza busta paga non può in nessun caso superare il tasso di usura.

Anche se siete presi alle strette usate sempre la testa e la calcolatrice! Un errore nella scelta del prestito per protestati può costare caro.

Nelle pagine seguenti troverete altre informazioni gratuite sui prestiti per protestati, approfittatene!